Sorry!

Questo è un sito di controinformazione, niente commenti. Ho a malapena il tempo di pubblicare i post, non ne ho per cancellare lo spam, i troll, controbattere a tutti gli ocoparlanti che dissentono e nemmeno per avere scambi di opinione costruttivi.

Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo. (J.W.Goethe)

C’è solo una cosa che è peggio di un nemico: un traditore.

C’è solo una cosa che è peggio di un nemico: un traditore. La sinistra italiana, in tutte le sue declinazioni, tramite i suoi partiti e le loro diramazioni, ovvero sindacati e associazioni, ha tradito la classe lavoratrice che rappresentava (nella quale è da considerare anche la piccola e media impresa), ha tradito l’Italia. Aderendo all’ideologia economica neoliberista e neoclassica e ai trattati di Maastricht si è alleata al fascismo finanziario, ma è soprattutto con l’adesione all’Euro, letale arma di distruzione di massa della classe lavoratrice, che si è manifestata come vassallo del potere della finanza e delle multinazionali, consegnando il nostro paese alla povertà, allo sfruttamento e agli interessi di poteri stranieri. Mentre in Europa rigurgiti di nazifascismo hanno preso il potere nessuna voce si leva da chi dovrebbe essere custode dei valori della resistenza. Svastiche, simbologia nazista e ritratti di filonazisti ultranazionalisti sfilano oggi per Kiev . Bombardamenti di civili vengono usati dal governo di Kiev come metodo di pulizia etnica in Novorossya e gli aiuti umanitari alla popolazione vengono pretestuosamente negati. Come i nazisti Poroshenko incita i propri soldati a uccidere dieci separatisti del Donbass in cambio di ogni camerata morto. Minacce di marce armate sulla capitale da parte dei nazisti paramilitari di Pravy Sector, che picchiano gli oppositori e distruggono le attività commerciali russe in ucraina, proprio come quando le camicie brune naziste distruggevano quelle degli ebrei. Tutto questo nell’indifferenza di chi da noi dovrebbe preservare e diffondere i valori della lotta partigiana che contro questi “mostri” ha lottato pagando un pesante tributo di sangue. E’ con l’approvazione di queste persone che abbiamo assistito allo spettacolo degradante di “Bella Ciao” cantata nelle aule parlamentari come segno di vittoria per l’approvazione della legge che consegnava miliardi di euro degli italiani alle banche azioniste della Banca d’Italia. Le stesse persone in parlamento che considerano terroristi i partigiani di Donetsk e Lugansk che combattono contro i nazisti mandati da Kiev e che hanno anche il coraggio ipocrita di appendere indegnamente nelle loro sezioni il ritratto di Che Guevara, infangandone la memoria. Non crediate che controllando i media e potendovi permettere di proporre un informazione censurata a vostro favore o addirittura falsa l’avrete sempre vinta, la controinformazione, a voi alternativa, ha la forza della goccia che lentamente scava la pietra, le opinioni lentamente stanno cambiando, i vostri giornali sono in crisi, alcuni chiudono e altri, come l’Unità, chiuderanno in futuro perché il popolo inizia a non credervi più e la storia vi attribuirà il ruolo che meritate: TRADITORI.

sabato 20 settembre 2014

Renzi non ha fatto i compiti.

Ve lo ricordate quando Draghi disse che "l'Italia prosegue con le riforme, c'è il pilota automatico"?
Significava semplicemente che chiunque guidasse il paese aveva un percorso già prefissato di "compitini" da fare. All'UE e chi sta sopra di loro (Bielderberg o massoneria o, come lo chiama Paolo Barnard, il "Vero Potere"), non piace che non venga fatto ciò che loro hanno stabilito. Affinché chi governa non possa godere di una completa libera iniziativa è necessario che questa persona sia in qualche modo ricattabile, o direttamente o indirettamente colpendo familiari o interessi. Così fu per Berlusconi, poco disponibile ai dictat UE, che fu costretto a dimettersi, così potrebbe essere per Renzi che non ha ancora fatto le "riforme strutturali" che gli hanno "consigliato" e di questo passo sarà costretto a lasciare, l'avvertimento è già arrivato. Che la giustizia sia veramente "a orologeria" è sempre piú evidente ma non si tratta di toghe rosse o amenità del genere, chi tira i fili non ha casacca di partito ma solo un immenso potere transnazionale. Fu così anche con “mani pulite” che si svolse in contemporanea con la segreta riunione sul Britannia dove “il Vero Potere” decise il destino dell'Italia (presenti alla riunione anche Mario Draghi, Romano Prodi, Giuliano Amato, Giulio Tremonti). Perché si attuasse il piano era necessario spazzare via l'intera classe politica, unico partito a uscirne indenne, guardacaso, il PDS, il partito paladino dei trattati di Maastricht che ci guiderà nell'euro, ed oggi, diventato PD, lo difende con accanimento talebano nonostante abbia devastato l'economia dell'Italia a un livello post bellico.
In questo video un servizio del TG2 dove Rino Formica, ex ministro delle finanze prima repubblica, ci racconta della riunione del Britannia dove si decisero i passi verso quello che ora sta accadendo.



giovedì 18 settembre 2014

Putin: ho la "morte nera" di Star Wars, se voglio prendo il pianeta in mezza giornata.

Repubblica del 1 settembre riportava che Putin disse "Se voglio prendo Kiev in due settimane", oggi 18 settembre ci riporta che oggi ha detto "Se voglio in due giorni le mie armate a Riga, Vlinius, Varsavia, Bucarest". La logica vuole che di questo passo tra altre tre settimane Repubblica riporterà la nuova minaccia di Putin "Prendo il pianeta in mezza giornata" e magari tra altre tre "Prendo il sistema solare in un ora" e poi ancora fra altre tre "Prendo Alpha Centauri in un minuto". Che ci stiano prendendo in giro per il culo oramai dovrebbe essere chiaro ai più (piddini a parte). Oggi in UE si è iniziato un nuovo dibattito per decidere nuove sanzioni che oltre a fare male alla Russia faranno molto male anche a noi stessi europei, quindi il popolo bue deve essere motivato a subirne gli effetti senza protestare e cosa c'è di meglio di fargli credere che sono indispensabili per fermare la minaccia neosovietica? Basta fargli credere che servono per fermare l'invasione dei soldati neocomunisti che vogliono violentere le nostre donne e uccidere i nostri  figli, mangiandoli ovviamente, si sa dal dopoguerra che i russi mangiano i bambini. Ma chi ha fornito queste notizie? E' stato Poroshenko, c'è da ridere. Un presidente di un paese nel quale c'è un odio etnico contro i russi pari a quello dei nazisti contro gli ebrei, un presidente di un paese sull'orlo del default e che fino alla tregua stava perdendo la guerra contro gli insorti del Donbass, un presidente frustrato che farebbe qualsiasi cosa, anche fare scoppiare la terza guerra mondiale, pur di raggiungere il suo obbiettivo di riprendere le terre ai ribelli e distruggere la Federazione Russa. Mi risulta più facile credere a uno di qui disadattati che dichiara di essere stato rapito dagli alieni e coi quali ha avuto un rapporto sessuale che a Poroshenko. Un presidente nel guano fino al collo che proprio oggi ha ricevuto le minacce dei nazisti di Pravy Sector (settore destro) che gli hanno prospettato di fargli fare la stessa fine di Yakunovic se concederà autonomia al Donbass. Un presidente di un paese che concede a questi nazisti di intimidire e aggredire i parlamentari dell'opposizione, due giorni fa ne hanno preso uno, Vitaly Zhuravsky, e lo hanno buttato in un cassonetto in mezzo all'immondizia, che esempio di democrazia questi nuovo amici della UE!


Mi piace viaggiare e Mosca non l'ho mai vista, spero di farcela prima che sia troppo tardi. La UE per colpa dell'euro e della scellerata politica economica neoliberista e neoclassica non ha più possibiltà di rispresa, gli USA sono sommersi dal debito pubblico, solo una guerra cancellerebbe i problemi dell'occidente permettendo di ripartire da zero e qualcuno a Washington e Bruxelles sta lavorando perchè accada. Dobbiamo impedire che succeda, dobbiamo stracciare i patti dell'UE, tornare agli stati nazionali e alle proprie monete per riequilibrare le rispettive economie e dobbiamo rifare i patti europei con spirito di fratellanza e solidarietà e infine liberare l'Europa dal giogo USA. Ma per questo c'è bisogno della ribellione civile di ognuno di noi e troppa gente non capisce....

martedì 16 settembre 2014

Siamo alla pazzia, l'Ucraina vuole la bomba atomica.

Fat Boy, il sogno della giunta nazista di Kiev
Il motivo principale dell’attrito tra USA, UE e la Russia è la presunta ingerenza dei russi nella guerra civile ucraina, secondo l’occidente avrebbero fornito uomini e mezzi ai ribelli del Donbass. La richiesta dei “paladini della democrazia” occidentali è che non ci debbano essere ingerenze esterne, gli ucraini devono risolvere da soli questa diatriba interna. Allo scopo è stato dato mandato all’ OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) di pattugliare i confini tra Russia e Ucraina per segnalare eventuali invii da parte dei russi di risorse militari a sostegno dei ribelli. Ispettori OSCE sono presenti a tutti i valichi di frontiera, elicotteri OSCE pattugliano il confine e recentemente sono stati introdotti anche droni di sorveglianza. Sino ad oggi l’OSCE non ha rilevato nessuna trasgressione russa e nessuna azione ostile nei loro confronti mentre, al contrario, proprio oggi hanno subito un bombardamento ucraino, fortunatamente senza vittime, in una zona dove non c’era presenza di milizia ribelle, a dimostrazione che i veicoli civili vengono tranquillamente bombardati dalle truppe di Kiev senza nessun tipo di remora. In una situazione quindi di non ingerenza, come desiderato dall’occidente, e di (quasi) tregua oggi il ministro della difesa ucraino Valery Geletey ha dichiarato ufficialmente che finalmente gli aiuti militari occidentali stanno arrivando e che se non dovessero bastare apriranno un programma per lo sviluppo di armi nucleari. Preso atto della dichiarazione appare sempre più evidente che le persone che compongono il governo di Kiev sarebbero più appropriate come pazienti in un manicomio criminale piuttosto che ministri in un parlamento a meno che non sia che usano riempirsi di vodka prima ci concedere le interviste. Mi auguro sia solo l’ennesima provocazione e che non ci sia nulla di vero in queste parole altrimenti sarebbe gravissimo. Riguardo agli armamenti occidentali se esistono lo vedremo appena le ostilità riprenderanno. Mi auguro che non succeda ma scommetto che sarà creata appositamente una situazione per fare ripartire il conflitto e scaricare la colpa sui ribelli e/o i russi nel momento più favorevole a Kiev. Mezzi militari di fabbricazione occidentale sono già stati avvistati in ucraina da giorni ma potrebbero solo essere parte di esercitazioni congiunte che si stanno svolgendo in questo periodo...a parte i 90 autoblindo Lince di destinazione russa che l'Italia ha già messo in consegna all'Ucraina (fonte Voce di Sebastopoli). Certo è che se fosse vero, considerando che già l’Ucraina dispone di un maggior numero di uomini e mezzi rispetto ai ribelli (e questo nonostante il “presunto” aiuto russo) sarebbe imperdonabile per l’occidente dato che fino ad oggi aveva professato la non ingerenza e per questo sanzionato la Russia, farebbero la figura di quel prete che predica la castità e poi lo si scopre accanito puttaniere . Riguardo al programma nucleare deve essere uno scherzo. In ucraina hanno solo tecnologia russa per le loro centrali e sarebbe un attimo per la Russia boicottarli, già adesso mi chiedo come faranno per i pezzi di ricambio, quindi realizzare il programma significherebbe impianti nuovi di zecca forniti dall’occidente, col denaro nostro ovviamente, l’Ucraina non ha nemmeno i soldi per pagarsi il gas figuriamoci per fare nuovi impianti nucleari. A proposito di nucleare, gli scarti radioattivi delle centrali ucraine venivano mandati in Russia per essere smaltiti, adesso, causa chiusura dei rapporti da parte ucraina, verranno stoccate a Chernobyl con tutti i problemi di inquinamento che ne possono scaturire. Anche il combustibile per le centrali non verrà più acquistato in Russia, verrà prodotto negli USA. Utilizzando retroingegneria e/o spionaggio industriale hanno ottenuto la formula per creare le barre di alimentazione necessarie per la tecnologia russa delle centrali, speriamo che siano riusciti a fare un lavoro perfetto perché in uno dei primi tentativi una centrale ha rischiato di esplodere e si è reso necessario il pronto intervento di tecnici russi per evitare una nuova catastrofe degna di Chernobyl. Spero che nessun occidentale sia così incoscente da dargli supporto nella loro follia, sarebbe come dare in mano  dell’esplosivo a qualcuno dell’ISIS, stai sicuro che si farà esplodere. L’odio antirusso ha raggiunto in Ucraina gli stessi livelli di fanatismo dell’odio religioso dei jihadisti dell’ISIS, sarebbero capaci di qualsiasi cosa pur di distruggere la Russia e dato che loro non sono in grado di farlo stanno provando di tutto per trascinare l’occidente in guerra al loro fianco. Io di morire per la pazzia ucraina non ne ho voglia, e voi? La passione per l' atomica ce l'ha già da un po' anche la Timoshenko, vi ricordo qua sotto la famosa intercettazione dove diceva di voler nuclearizzare tutti i russi di ucraina, buon ascolto (traduzione in italiano).


domenica 14 settembre 2014

News su MH17, Sanzioni alla Russia e Gas

I russi svelano le ultime prove USA sull'abbattimento di MH17
MH17
L'esame delle scatole nere, ci hanno fatto sapere gli specialisti inglesi,  "dimostra una improvvisa decompressione a seguito di una potente esplosione" e per ció non c'e nessun colloquio registrato e tutto questo fa pensare che l'aereo sia stato colpito da un missile...mah...permettetemi di dubitare...nel 2001 gli ucraini durante un esercitazione abbatterono per errore il volo russo TU135 da Tel Aviv per Novosibirsk che volava ad un altezza simile a MH17 e fu proprio un missile Buk, proprio il tipo di missile che gli occidentali sostengono sia stato lanciato dai ribelli o addirittura dai russi. In quell'occasione sulle scatole nere c'erano anche 45 secondi delle voci disperate dei piloti mentre l'aereo precipitava, anche un missile cosí potente non riesce a distruggere completamente un aereo di linea. Il regno unito è uno degli accusatori più duri della Russia come si può in una faccenda così delicata fidarsi dell'imparzialità di una perizia dei loro tecnici? Ancora una volta devo dare ragione ai russi che avevano chiesto un indagine internazionale, ed è mio parere che USA e UE non l'hanno voluta per evitare che potesse prendere una piega contraria ai loro interessi, mantenendo invece le redini delle indagini le possono indirizzare o insabbiare quanto gli fa comodo. Ultimamente circolano addirittura voci di un accordo tra Olanda, Belgio, Ucraina e Malesia, ognuno di questo paesi, se danneggiato, ha diritto di veto nella diffusione del risultato delle indagini, speriamo non sia vero.

Gas
Sono arrivate più notizie che alcuni paesi UE hanno registrato una fornitura di gas da parte di Gazprom inferiore alle loro aspettative. Guardacaso sono tutti paesi che attuano il reverse flow a favore dell' Ucraina. Cosa è successo? E' Putin che ci fa i dispetti? Secondo me è una o tutte delle due:
1) Come in passato gli ucraini hanno rubato del gas in transito
2) E' stato piú volte specificato da Gazprom che, come da contratto, il loro gas non puó essere rivenduto ad altri paesi. La UE crede di essere piú furba e, con l'arroganza che la caratterizza, crede anche di poter fare ció che gli pare, quindi hanno comunque attuato il reverse flow del gas. Ció che secondo me ha fatto Gazprom è garantire una fornitura di una quantità pari a quella che abitualmente viene consumata, tutto quello in più, ovvero quello che doveva coprire quello inviato in Ucraina col reverse flow, é stato bloccato. In parole povere "io ti do tutto il gas che so che ti serve, ma se tu lo giri a qualcun'altro poi sarai tu che rimani senza". Mi piace. A qualcuno potró sembrare crudele perchè ci sarà tanta gente in Ucraina che patirà il freddo questo inverno ma dal mio punto di vista è giusto che provino sulla loro pelle quello che proveranno gli abitanti del Donbass con le case e/o gli impianti di riscaldamento distrutti dai bombardamenti dei soldati di Kiev.


Sanzioni
Avete presente quegli attaccabrighe il cui unico scopo é mettervi le mani addosso? Voi state calmi per non esasperare la situazione, cercate una posizione di compromesso che accontenti tutti e due, provate a riportare la situazione dentro i binari di un confronto civile, ma a lui non interessa, qualunque cosa diciate o facciate lui, l'attaccabrighe, ha già deciso che vi deve dare uno sganassone! Questa è proprio la perfetta metafora delle ultime sanzioni UE e USA nei confronti della Russia. Prima l'occidente accusa Mosca di non fare abbastanza per descalare la situazione in Ucraina e per questo gli affibbia delle sanzioni, allora in piena offensiva vincente dei ribelli della Novorossya Putin addirittura li convince ad attuare un cessate il fuoco e a sedersi al tavolo delle trattative e la UE cosa fa? Emana altre sanzioni alla quali si agganciano subito gli USA! Escludendo che alla UE abbiano dei seri disturbi della personalità rimane solo ciò che rivela la metafora sopra riportata, non ha importanza cosa faccia la Russia, l'intenzione è colpirla e provocarla in ogni modo.
Del capitolo sanzioni fa parte anche la vicenda delle portaelicotteri Mistral. Hollande è veramente nel guano fino al collo per questa faccenda. Gli USA non vogliono assolutamente che le vendano ai russi che gliele avevano commissionate e che ne hanno pagata già una, non farlo peró avrebbe conseguenze devastanti, non solo per la penale che dovrebbero pagare alla Russia, che potrebbe arrivare a 10 miliardi di euro, ma sopratutto per la perdita di credibilità di fornitore affidabile che subirebbe la Francia. Le Mistral non sono certo l'unica fornitura francese in ambito militare e quale paese si fidedebbe più a richiedere una fornitura se non rispettano i patti? L'India infatti ha drizzato le orecchie, c'è in ballo una grossa commessa da 20 miliardi di dollari per una fornitura di 126 caccia Rafale ma gli indiani non stanno gradendo l'atteggiamento francese di non rispettare i patti appena lo zio Sam apre bocca e stanno pensando se non è il caso di rivolgersi a qualcuno piú affidabile dato che non hanno ancora firmato. La Francia era una nazione orgogliosa una volta, Hollande l'ha fatta diventare uno degli scodinzolanti cagnolini degli USA, ma i francesi ne sono certo gliela faranno pagare alle prossime elezioni. Questo è quello che differenzia i nostri cugini d'oltralpe da noi che nonostante tutto votiamo sempre per il venditore di fumo di turno, adesso è il turno de "Il Bomba" di Rignano d'Arno di essere il vincente e come il suo predecessore, il Berlusca, "grazie" ai nostri connazionali ce lo terremo per un bel po'.